La storia di Hannah, Fabi e Luca


Condividi su:

Quando abbiamo lasciato la Germania a settembre 2019 con il nostro piccolo autobus per intraprendere un lungo viaggio pieno di musica di strada e impressioni significative, che ci ha portato in tutta Europa e infine in Nord Africa, la parola “Corona” ci era nota solo da un marchio di birra. All’epoca non eravamo consapevoli di come il nostro viaggio – e quindi il nostro destino – sarebbero cambiati.

Hannah e Fabi

Volontari all’Oasi Argo

Fin dall’inizio del nostro viaggio avevamo programmato di offrirci come volontari nella protezione degli animali lungo la strada. Per prima abbiamo chiesto in un rifugio andaluso, dove purtroppo non siamo stati particolarmente accolti e la gente ci ha immediatamente allontanato senza conoscerci o ascoltarci. Questo ci ha deluso molto perché avevamo un grande desiderio, tanto tempo e solo le migliori intenzioni. Sfortunatamente, abbiamo riscontrato queste reazioni negative altre due volte.

Ad ottobre ci siamo finalmente messi in contatto con un rifugio per animali rumeno, che ci ha felicemente invitato a venire come volontari. Tuttavia, dal momento che eravamo in Portogallo in quel momento e siamo stati in grado di fare il lungo viaggio verso la Romania solo in primavera, non vedevamo davvero l’ora di questo incontro. Ma poi è arrivata Corona – e tutto è cambiato!

Quando l’epidemia colpì l’Italia e ci fu un lockdown a livello nazionale, eravamo in Sicilia. Abbiamo quindi programmato di prendere il traghetto dalla Puglia alla Grecia e scoprire la bellezza dei Balcani da lì (verso la Romania). Poi, tuttavia, la polizia ci ha chiesto di lasciare l’isola e ci siamo trovati in una Calabria estinta e triste dove non si poteva lasciare la sua casa – nel nostro caso la sua auto – senza una buona ragione. Ci siamo trovati di fronte alla decisione di tornare in Germania o di trascorrere del tempo in un luogo “sicuro” in Italia, quando abbiamo trovato online il sito web dell’Oasi Argo a Cirò Marina.

Dato che le nostre esperienza precedente dove le nostre offerte di aiuto non sono mai stati particolarmente apprezzati, ma piuttosto vista con sospetto (e quindi non abbiamo avuto la possibilità di dimostrare la nostra capacità), non avevamo speranza dopo la nostra richiesta. Ancora una volta abbiamo pensato che saremmo stati trattati come “intrusi” (qualcosa che non possiamo capire, perché secondo noi il benessere degli animali dipende da persone positive e aperte che vogliono integrare i volontari.)

Poi tutto è andato molto rapidamente, abbiamo immediatamente stabilito il contatto WhatsApp con due persone, Mery e Silvia, che hanno risposto con gioia e calore. Quando abbiamo detto loro che avremmo davvero voluto venire subito, erano felicissimi, dopotutto, le mani d’aiuto sono sempre benvenute nell’Oasi Argo! Così abbiamo guidato un giorno dopo una telefonata amichevole con Silvia a Cirò Marina, dove potevamo stare isolati con il nostro autobus nell’idillio della natura.

Arrivati ​​a Cirò Marina, ci siamo diretti al Rifugio, dove Caterina ci stava già aspettando. Fino a questo punto non potevamo ancora immaginare quanto fosse necessario il nostro aiuto. Avevamo sentito molto parlare di Caterina e non avevamo alcun contatto personale con lei fino al nostro arrivo. Nei primi minuti abbiamo notato (anche se l’italiano di Hannah a quel punto era spagnolo e molto fragile), che personalità impressionante, calda e forte avevamo di fronte a noi. Ci ha aperto il grande cancello ed siamo entrati all’ingresso dei Rifugios, dove un branco di circa 30 cani ruspanti ci ha accolto con entusiasmo e gioia.

Caterina ci ha salutato, ci siamo conosciuti brevemente e già è iniziato un ampio giro di tutta l’area, in cui ci sono 56 container e un pacchetto gratuito, in cui i cani vivono insieme in gruppi da due a cinque (e quindi molto più adatto alle specie rispetto allo stato italiano Canile). Che momento! Tra il forte abbaiare (a cui le nostre orecchie si sono rapidamente abituate nei prossimi giorni) e le spiegazioni di Caterina, il nostro entusiasmo è cresciuto costantemente. È stata una sensazione incredibile vedere tutti questi recinti con cani diversi (a quel tempo c’erano 232), che Caterina ci ha presentato con uno sguardo amorevole! Già durante questo tour iniziale abbiamo notato quanto Caterina affronta amorevolmente ogni singolo animale e quanto bene ci siano gli animali.

I giorni lavorativi nelle prossime settimane dovrebbero essere fisicamente impegnativi, ma siamo stati felici di portare ogni secondo in questo posto speciale. Come volontari volontari eravamo ovviamente liberi di andare e venire come volevamo, ma abbiamo lavorato sette giorni alla settimana dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 17/18. Ci siamo appena resi conto di quanto fosse significativo e importante il nostro lavoro nel refugio e abbiamo ricevuto un’incredibile gratitudine e apprezzamento da Caterina. Dato che Caterina e i suoi due aiutanti di Cirò Marina, che la sostenevano sempre la mattina, si occupavano abitualmente di cibo, pulizia di recinti, cure mediche e terapie, ci siamo occupati di compiti puramente manuali che dovevano essere eseguiti con urgenza.

Non era il lavoro che ci aspettavamo, ma capimmo presto che presto avremmo svolto tutti i compiti lasciati indietro a causa della mancanza di tempo e personale dopo il diluvio; ma sono molto importanti per i cani. Ad esempio, abbiamo costruito protezione contro il sole e la pioggia in molti recinti, riparato le scale rotte in modo che i cani potessero facilmente rientrare nelle loro capanne, applicato miscele di bitume-ghiaia sui tetti, percorsi raddrizzati in modo da poter riaprire gli recinti, buchi imbottiti, i cani aveva scavato, abbellito recinti con posti a sedere, riparato recinzioni sgangherate o smantellato completamente vecchi recinti abbandonati, al fine di riciclare a loro volta il materiale ottenuto da essi. Abbiamo anche fotografato diligentemente gran parte dei cani per metterli su Facebook per la mediazione. Inoltre, dovevamo trasportare il foraggio che era stato consegnato in camion (per lo più sacchi da 20 kg) al Rifugio.

Molto rapidamente ci eravamo guadagnati la piena fiducia di Caterina, il che significava che ci era permesso di entrare e uscire da ogni recinzione come volevamo e che potevamo fare molti dei lavori con poco accordo, il che alleviava Caterina allo stesso tempo. Dopo poco tempo ci eravamo abituati come una squadra.

La sera correvamo sempre esausti, affamati e puzzolenti dal lavoro fisicamente impegnativo verso il nostro autobus, dove ci facevamo la doccia l’un l’altro con bottiglie d’acqua riempite. Dal momento che non siamo stati abituati al lusso dal nostro viaggio finora, le condizioni di vita piuttosto difficili non sono state un problema per noi. Al contrario: vedere i risultati quotidiani, fare così tanto bene per i cani e Caterina e fare così tanta gioia e Sentire l’amore era una paga sufficiente. Probabilmente puoi parlare di una classica situazione win-win qui, perché tutti i soggetti coinvolti sono stati semplicemente grati e soddisfatti.

I cani apprezzano ogni forma di contatto ed esprimono il loro affetto
Dopo due settimane (avevamo 14 giorni per registrarci per il volontariato), era chiaro a tutti che non potevamo semplicemente andare. Quindi alla fine abbiamo deciso di rimanere cinque settimane. In questo momento intenso, abbiamo stretto stretti legami con alcuni dei cani di Oasi Argo. Chiamarli qui individualmente andrebbe oltre lo scopo dell’articolo. Tuttavia, siamo d’accordo sul fatto che ogni individuo ha un carattere individuale e una personalità affascinante, che in realtà ciascuno di questi cani ha il diritto a una bella casa e dopo ciò che alcuni cani hanno attraversato, non hanno perso il loro coraggio, felicità e amore . Lo abbiamo trovato davvero notevole.

Sfortunatamente, la realtà in Calabria è che i cani vengono “eliminati” nei modi più terribili. Per alcuni, la conseguenza di questa disumanità sfortunatamente significa morte. Caterina accoglie ogni cane, non importa quanti anni, grande o piccolo, aggressivo o intimidito, ferito gravemente o in buona salute. La vita di ogni cane ha lo stesso valore per lei e si prende cura di conseguenza, e lei si prende cura di ogni animale che ha corso, trovato, dato via o (purtroppo anche la realtà) gettato sopra la recinzione. Va anche detto che una conseguenza negativa della crisi della corona per il Rifugio ha fatto sì che i cani che erano già stati adottati non fossero stati autorizzati a lasciare il paese da marzo. Tuttavia, man mano che sempre più cani arrivavano a Oasi Argo, il numero di animali aumentava costantemente, il che naturalmente causava maggiore pressione e costi per Caterina.

Ad esempio, abbiamo trovato cinque cuccioli indifesi sulla strada di casa dopo il lavoro. È terribilmente doloroso immaginare qualcuno che semplicemente trasporta queste piccole cose indifese nel paese e le lascia al loro destino lì invece di cercare una casa decente per loro o almeno consegnarle onestamente a Caterina personalmente. La buona notizia è che da metà maggio tutti i cuccioli che abbiamo trovato hanno goduto di una casa amorevole in diverse regioni d’Italia, dove hanno trovato la vita che meritano.

Inoltre non potevamo lasciare l’Oasi Argo senza portare con noi almeno uno dei cani. La decisione è stata difficile e facile allo stesso tempo. Difficile, perché ci sono davvero piaciuti così tanti cani e li abbiamo amati intensamente nelle intense cinque settimane. Facile, dal momento che il cane che abbiamo finalmente portato con noi (Luca) ha conquistato il cuore con i suoi occhi tristi il ​​primo giorno e ci ha avvolto con successo attorno al dito nei giorni seguenti, nonostante la sua natura timida.

Quindi, quando guardiamo indietro al nostro tempo meraviglioso a Oasi Argo, vediamo che siamo stati in grado di ottenere molto: ad esempio, siamo diventati artigiani migliori, almeno uno di noi ha imparato a parlare italiano; Abbiamo persino indirizzato i cani agli amici e raccolto donazioni dagli amici, quindi siamo stati in grado di attirare sempre più persone al favoloso lavoro di Oasi Argo. Abbiamo organizzato una sponsorizzazione per uno dei cani difficili da trovare, i cuccioli hanno trovato una casa sicura, hanno fatto amicizia con innumerevoli cani e hanno regalato loro momenti meravigliosi con la nostra attenzione e affetto e ci è permesso di avere una vita da sogno piena di escursioni per uno dei cani e regalare avventure con noi. Abbiamo amato Caterina per sempre come amica e siamo felici di aver potuto far avanzare il Rifugio!

Il nostro addio alla fine non è stato facile ed era già chiaro in quel giorno che saremmo dovuti tornare molto presto. Ora ci siamo posti l’obiettivo di spostarci il più possibile dalla Germania. Ad esempio, stiamo programmando un concerto e una vendita di torte per raccogliere donazioni per l’Oasi Argo. Vorremmo anche provare ad attirare l’attenzione sul Rifugio con articoli di giornale. Abbiamo anche in programma di offrirci come casa adottiva per il prossimo anno in modo che più cani abbiano la possibilità di lasciare il Rifugio. Ma soprattutto non vediamo l’ora di tornare a Cirò Marina e di rivederti con Caterina e tutti i cani adorabili.

Sfortunatamente, Caterina può godere solo di alcuni volontari sul posto, motivo per cui è importante per noi incoraggiare tutti a sperimentarlo da soli. Se il nostro articolo ti spinge ad aiutare, ma non hai tempo di apparire sul sito, hai numerose opzioni di supporto: donando denaro, adottando, condividendo post nei social network, promuovendo l’Oasi Argo, diventando un neutro per un cane, sponsorizzare un cane molto specifico, raccogliere e inviare donazioni in natura, offrirsi come famiglia affidataria o semplicemente acquistare qualcosa dalla lista dei desideri dell’Amazzonia del Rifugio. Ogni piccola donazione aiuta e raggiunge il 100% degli animali – possiamo solo confermarlo nella nostra esperienza al Rifugio.

Grazie per la lettura e il tuo interesse!
Hannah, Fabi e Luca

Related Post

BELLEBELLE

Condividi su: Si aggirava in paese da mesi e grazie all’aiuto di una volontaria è stata recuperata. Lavata, toelettata e curata ha raggiunto finalmente, in adozione, una famiglia che la

COSMACOSMA

Condividi su: E’ stata trovata, in un campo, allo stremo delle forze. Recuperata da Caterina Semerano, è stata curata e accudita dall’ Associazione e dopo essersi ripresa perfettamente è stata